ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Come lavora un investigatore privato e che strumenti usa?

Chi fa l’investigatore privato, in molti casi, è stato un ex agente di polizia o un militare, per chi ha una formazione specifica sul come muoversi in questo settore, chi invece non lo è stata, ha comunque seguito una serie di corsi di formazione per diventarlo.

L’esperienza accumulata nell’aver eseguito i precedenti lavori va sicuramente ad aumentare il livello di professionalità dell’investigatore, è infatti, importante affidarsi sempre e solo a persone preparate, che sanno quello che fanno e che possono vantare anche di rapporti e conoscenze nel campo.

Un buon investigatore privato professionista ha molti contatti con forze di polizia, persone importanti nei tribunali, con avvocati e giudici, con funzionari e altre figure che possono essere fondamentali ai fini delle indagini.

Inoltre, l’investigatore è in possesso di autorizzazioni che gli permettono di visionare documentazione non accessibile a tutti, come il catasto, i registri dell’anagrafe, ect…Al fine di rendere più veloce la soluzione del caso.

Quali strumenti vengono utilizzati durante le indagini?

Un investigatore professionale usa vari strumenti per poter risolvere più in fretta il caso, a seconda anche del tipo di intervento che deve fare, può decide l’integrazione di alcuni accessori aggiuntivi di un livello tecnologico superiore.

In linea generale, un investigatore usa una macchina fotografica con teleobiettivo per fare delle foto nitide, installa microspie sensibili per catturare tutte le voci in una determinata stanza, si può avvalere di programmi informatici particolare, che permettono di rintracciare e-mail e messaggi personali sullo smartphone.

Inoltre, possono anche servire delle spie da mettere vicino al telefono e al computer per captare eventuali conversazioni utili ai fini dell’indagine.

Su cosa indaga l’investigatore privato

L’investigatore privato può agire in vari ambiti, tra i servizi più richiesti ci sono quelli legati all’infedeltà coniugale, sono molte le persone che sospettano che il proprio partner li abbia tradito e decidono di ingaggiare un professionista per raccogliere delle prove.

In ambito personale o famigliare, altri casi sono quelli che riguardano il controllo di minori, badanti e tossicodipendenti. Anche questioni come controversie ereditarie sono spesso richieste dai clienti, che chiedono alle agenzie di investigazioni di ricostruire tutti i passaggi che hanno portato all’eredità da dividere tra più persone.

Nell’ambito professionale, i casi più frequenti sono la violazione di brevetti, la concorrenza sleale, la fuga di notizie importanti dall’azienda, il recupero crediti e controversie legali.

Quanto costa un investigatore privato?  

È difficile stabilire il costo fisso di un investigatore privato, molto probabilmente perché non c’è. Il prezzo dipende molto dal tipo di indagine da fare, dai servizi richiesti, dalle attrezzature e strumenti che verranno utilizzati durante il caso.

Dal tempo che l’investigatore dovrà impiegare nello studio e risoluzione dell’indagine, ma anche il livello di esperienza e di professionalità dello stesso.

Tutti questi fattori determinano un prezzo che non può essere stabilito con certezza e con anticipo, il consiglio, se state pensando di contattare un investigatore privato, è quello di chiedere un primo incontro conoscitivo durante il quale, dopo avervi ascoltato, sarà anche possibile farsi un’idea dei costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *