ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Compro Oro, un Esempio di Successo di Business Diversificato

La nascita dei compro oro, intesi come attività commerciali il cui principale business consiste nell’acquisto e nel riciclo di oro di seconda mano direttamente dai privati, risale ai primi anni de millennio.
Complice la crisi economica e il conseguente aumento del prezzo dell’oro, i compro oro si sono rapidamente diffusi, prima nelle principali città come i compro oro Firenze e poi in tutte le altre zone compresi i piccoli centri abitati.
Per anni il giro di affari dell’oro usato è cresciuto in modo costante a tal punto da far diventare l’italia un paese esportatore di oro pur non avendo nessuna miniera aurifera.
Dopo gli anni del boom il settore ha però subito una contrazione dovuta ad una minore disponibilità di oro da parte di private e famiglie.
Questa diminuzione della disponibilità degli oggetti preziosi è dovuta al fatto che la maggioranza delle persone che hanno venduto i propri oggetti preziosi, hanno rinunciato a fare nuovi acquisti di oggetti d’oro, come si evidenzia dalla stagnazione delle vendite del settore.
In relazione alla diminuzione del giro di affari sono diminuiti anche i compro oro, si calcola che almeno un terzo hanno chiuso velocemente non essendo più conveniente acquistare e rivendere oro se non si riesce ad ottenere un volume consistente.
Nonostante ciò la grande e capillare diffusione sul territorio ha permesso al settore di rimanere radicato più o meno in tutte le città e le zone di italia.
Per compensare alla diminuzione generale del volume di oro acquistato molti compro oro si sono organizzati per incrementare il fatturato proponendosi nella compravendita di altri oggetti di valore come Orologi Rolex e di altri prestigiosi marchi, argento e piccoli pezzi di antiquariato.
Una diversificazione del business che molti operatori del settore avevano già intrapreso prima ancora di divenire compro oro, parte di queste attività prima di darsi alla compravendita dell’oro usato erano gioiellerie che con la crisi economica e la relativa stagnazione delle vendite dei gioielli avevano trovato nel riciclo degli oggetti in oro un modo di salvare l’attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *